Disturbo Spettro Autistico

L’autismo rappresenta una delle sindromi più complesse e, nelle forme più gravi, difficilmente gestibili che emergono nell’età evolutiva. I bambini e le bambine con autismo presentano importanti difficoltà nell’interazione reciproca, nella comunicazione e nelle attività di gioco. Il linguaggio verbale, quando presente, risulta spesso non adeguato al contesto, con scarso utilizzo dei gesti comunicativi. Le attività di gioco sono per lo più di tipo ripetitivo, con isolamento rispetto al gruppo dei coetanei. Altre caratteristiche dell’autismo sono: la difficoltà ad esternare i propri sentimenti e a leggere i sentimenti altrui (Teoria della Mente), una diversa sensibilità agli stimoli ambientali (es. una ipo o iper sensibilità ai rumori e agli stimoli sensitivi tattili o gustativi), un deficit dell’immaginazione.

Le manifestazioni dell’autismo sono molto varie, per questo si parla di spettro autistico. Esistono vari livelli di gravità, da forme più sfumate ad altre molto acute cui spesso si accompagna un quadro di ritardo mentale. Ancora oggi, non potendoci riferire alle cause, nella maggior parte dei casi ignote, l’autismo viene definito in base a comportamenti osservabili, descritti nei due manuali diagnostici disponibili e a livello internazionale dall’Organizzazione Mondiale della Salute e negli Stati Uniti d’America:

Entrambi i sistemi di classificazione ricalcano ancora la prima descrizione di Kanner. Per cui i sintomi dell’autismo tendono ad essere non solo permanenti ma anche molto variabili: solo un intervento educativo adeguato consente di migliorare significativamente molte delle aree dello sviluppo dei soggetti con disturbo nello spettro autistico.

Come recentemente indicato dal sistema diagnostico DSM 5, il disturbo dello spettro autistico si manifesta quando si osserva:

  1. un deficit nell’area della comunicazione sociale, che comprende il deficit nella comunicazione (sia linguaggio verbale che non verbale) e il deficit sociale (capacità di interagire socialmente con gli altri);
  2. un deficit di immaginazione, ovvero un repertorio ristretto di attività ed interessi e comportamenti ripetitivi e stereotipati.

Questi due fattori sono anche conosciuti con il termine di “diade sintomatologica”.

Definizioni equivalenti

Il gruppo di disabilità più ampio di cui l’autismo fa parte viene denominato anche con le seguenti espressioni equivalenti:

  • disturbi dello spettro autistico
  • disturbi generalizzati dello sviluppo
  • disturbi pervasivi dello sviluppo

Caratteristiche

 

Sintomi considerati caratteristici dell’autismo

I Chiusura autistica
1) Cerca l’isolamento
2) Ignora gli altri
3) Interazione sociale insufficiente
4) Sguardo inadeguato alla situazione

II Turbe della comunicazione verbale e non verbale
5) Non fa alcun tentativo di comunicare mediante la parola
6) Difficoltà a comunicare mediante i gesti e la mimica
7) Emissioni vocali o verbali stereotipate; ecolalia

III Reazioni bizzarre all’ambiente
8) Mancanza d’iniziativa
9) Strani comportamenti con gli oggetti, in particolare con le bambole
10) Intolleranza nei confronti dei cambiamenti e delle frustrazioni

 

 Sindromi associati

IV Turbe della motricità
11) Attività sensoriale e motoria stereotipata
12) Agitazione, turbolenza
13) Mimica, postura, marcia bizzarre.

V Reazioni affettive inadeguate
14) Autoaggressività
15) Eteroaggressività
16) Piccoli segni di angoscia
17) Alterazioni dell’umore

VI Turbe delle grandi funzioni istintive
18) Turbe dei comportamenti alimentari (qualitative e/o quantitative)

VII Disturbi dell’attenzione, delle percezioni e delle funzioni intellettuali
19) Difficoltà a fissare l’attenzione su qualcosa, facile distraibilità.
20) Bizzarrie nelle reazioni ai suoni.

CONNETTIAMOCI AL MONDO

Associazione Autismo

Garantiamo il pieno rispetto della dignità umana della persona autistica.